sabato 13 gennaio 2018

Free Ahed Tamimi


14 commenti:

  1. Siano spezzate le catene di chi lotta per libertà, pace e solidarietà e mai rassegnarsi al potere di chi esercita l'oppressione.

    RispondiElimina
  2. Bisogna lottare perchè la liberino presto, ha solo espresso pacificamente il suo dissenso verso un'occupazione indegna.

    RispondiElimina
  3. Bisogna insistere e lttare perchè venga liberata al più presto : ha solo lottato pacificamente contro un'occupazione indegna.

    RispondiElimina
  4. Che tristezza, che tristezza, ricordo quando la Pace, la risoluzione, anche se non perfetta, del problema, era vicina, sembrava vicina, mentre ora ...
    Dico anche io Free Ahed Tamimi.

    RispondiElimina
  5. Ho letto tutto il post di Slec o meglio, gli articoli e le interviste ed i video che ha postato sul suo blog. E' qualcosa che non può non scuoterci tutti dal torpore delle nostre menti, e dovrebbe risvegliare le coscienze anche di politici internazionali, ma qui entriamo nel mondo dell'utopia purtroppo.

    RispondiElimina
  6. Non so se sia più grande la rabbia o lo sconforto che provo.

    RispondiElimina
  7. nel delirio di onnipotenza un ministro del governo israeliano dice che bisognerebbe lasciare Ahed Tamimi in galera e buttare la chiave.
    quello schiaffo è pericoloso, non è solo uno schiaffo al soldato, ma all'occupazione, diceva l'altro giorno un professore universitario sudafricano a Cagliari (http://www.sardegnapalestina.org/il-ruolo-del-boicottaggio-accademico-nella-lotta-contro-lapartheid/)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vergonga, vergogna, sono passi indietro pericoloso. Grazie per il link Francesco.

      Elimina