lunedì 28 settembre 2015

Un saluto al compagno Ingrao

http://www.rifondazione.it/primapagina/?p=19587

16 commenti:

  1. Con lui ho perso un pezzo del mio cuore politico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... e anche un cervello, sì, certo.

      Elimina
  2. Per me era soprattutto un poeta, anche quando scriveva in prosa. Il suo libro "Volevo la Luna" per me è un compagno di strada, quando sono un po' giù ne rileggo un passo, qualche frase...Uno di quei libri che, attraverso la storia personale di una persona, di una famiglia, ti raccontanti la storia d'Italia, un po' come "Il Provinciale" di Bocca ma con meno malizia... e poi era un comunista di cui mi sono SEMPRE potuta fidare e ora il suo posto vuoto resterà vuoto...

    RispondiElimina
  3. Risposte
    1. Condivido era un Signore con la S maiuscola.

      Elimina
  4. Un saluto e basta. Oggi non possiamo permetterci di più: pare che essere comunisti sia una bestemmia. Col tempo che servirà, ce ne andremo tutti in silenzio, con un saluto...... e basta.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un saluto e un abbraccio, sì, ma non ce ne andremo ;)

      Elimina
  5. Bella la vignetta di Apicella. 100 anni, quante ne avrà viste.. ma mai tante come in questi ultimi anni, giorni... ciao Pietro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido, mai tante come in questi ultimi giorni ... ma forse anche sì :)

      Elimina
  6. Un carissimo ricordo al compagno Ingrao.

    RispondiElimina