mercoledì 8 aprile 2015

Genova 2001, è stata tortura

Con il pronunciamento sui fatti della Diaz, ancora una volta, e questa volta all'unanimità, i giudici della Corte di Strasburgo hanno affermato che la Repubblica italiana ha violato l'articolo 3 della convenzione sui diritti dell'uomo che sancisce che 'Nessuno può essere sottoposto a tortura né a pene o trattamenti inumani o degradanti. E non è finita perché a giorni potrebbe arrivare il verdetto, sempre dai giudici di Strasburgo, su altri due ricorsi presentati da 31 persone che affermano di essere state torturate nella caserma di Bolzaneto. I commenti sottolineano tutti l’importanza di approvare la legge sulla tortura, che da due anni è ferma in Parlamento. Anche perché a ricordare la lacuna normativa sono, nel dispositivo della sentenza, gli stessi giudici di Strasburgo.
 fabio sebastiani da Contro la Crisi
CONTINUA A LEGGERE QUI

19 commenti:

  1. Una buona cosa, vediamo se ora il Parlamento italiano ascolterà l'Europa, come quando chiede tagli e sacrifici...

    RispondiElimina
  2. Non c'erano dubbi che si fosse trattato di tortura e non era certo un vuoto normativo a consentire di definire quei fatti in modo diverso. Sono stata molto felce per la sentenza...ma sarei ancora più felice, se fosse il sistema a cambiare.
    Mi auguro che il nostro Parlamento recepisca quanto affermato dalla corte di Strasburgo e tiri fuori una legge vera, e non un palliativo.
    Un abbraccio George :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che sia necessaria, anche per le troppe morti impunite dopo (ma anche prima) Genova.

      Elimina
  3. Ma sai che non lo avrei mai detto ? Siamo un paese ridicolo: quattordici anni per farci dire da altri quello che già sapevamo ma che le istituzioni non volevano ammettere...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ma questo viene dall'Europa,dunque noi, secondo retorica corrente (o in questo caso siamo fuori?).

      Elimina
  4. Ti immagini a quanti casi dovrebbe essere applicato questo reato? Quante persone potrebbero ottenere giustizia? E quanta responsabilità si richiamerebbe, finalmente, sull'azione delle nostre forze dell'ordine o anche di alcune istituzioni "sanitarie" che casi di orrore ce ne sono parecchi anche lì? Comunque è già un bello schiaffo al nostro sistema della giustizia regolato dai nostri governi dal dopoguerra ad oggi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, è questo il senso, uno schiaffo! Chissà non e seguano altri.

      Elimina
  5. ... e che dire di tutti quei poliziotti, promossi e premiati, che fecero inorridire Salvo Montalbano, l'unico poliziotto amato e stimato perchè non esiste nella realtà ma solo nella fantasia di come li vorremmo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, così vorremmo i poliziotti. Ma è il mondo della fantasia.

      Elimina
  6. Dalle mie parti si dice "siamo indietro come la coda del maiale di Perondo", per la cronoca la leggenda vuole che tale maiale fosse nato senza cervello... Così è l'Italia, nazione dell'illusione dove fino a pochi decenni fa c'era ancora il delitto d'onore e tutta la vergogna che comportava per la "giustizia" e per la dignità della donna...
    Qui abbiamo un sacco di Musei della Tortura in franchising e giustamente ancora non si punisce la tortura, meno male allora che c'è Strasburgo...
    Che poi per me quello che è successo alla Diaz e violenza pure, cruda e completamente grautita...
    In tanti commissariati invece si attua la tortura "classica" verso ragazzetti che hanno rubato un motorino o sono stati beccati a farsi una triste droga leggera, reati di Stato anche quelli che restano sconosciuti se non ci scappa il morto... Anche per questo è necessario che l'Italia diventi un posto sicuro con l'introduzione del reato di tortura e..si , d'accordo con Berica, vorremmo dei Montalbano, dei Sonny e Rico non dei nani armati fino ai denti capaci solo di difendere imbecillotti che amano farsi dare del fascista..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il sogno di tutti noi ... e questa sentenza europea ci può dare una spinta ulteriore. Grazi, bel discorso ;)

      Elimina
  7. Intanto il granduca di Toscana ha benedetto di gennaro. Ecco come siamo messi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. be', il Granduca di Toscana purtroppo non c'è più ma ha il merito di aver abolito la pena capitale, primo Stato al Mondo. Quello di cui parli fa parte della Toscana "gentile" che con il senso civico della vera Toscana non ha nulla da spartire.

      Elimina
    2. @ElenaMaria
      Ti riferisci a Fonzi? :)
      Lo so, da quel partito è sempre stato molto amato de gennaro.
      @Serena
      Sì, sì, ElenaMaria lo sa bene ;)

      Elimina
  8. Risposte
    1. E allora dobbiamo seguire ... lo dice l'Europa :)

      Elimina
  9. questa vicenda è veramente un buco nero da cui non si uscirà mai... solo in Italia possono succedere cose così

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì,è difficile uscire da questo buco nero, ma potremmo provarci ;)

      Elimina