mercoledì 25 febbraio 2015

Landini?... sì grazie!

“Io sconfitto? La Fiom ha 350mila iscritti, più del partito di Renzi. E non facciamo cene da 1000 euro". Landini ieri sera in Tv ha dato tutta l’aria di non voler mollare la preda. Né quella “dichiarata”, Renzi, né quella celata tra le mille polemiche scaturite dall’intervista al Fatto quotidiano di domenica in cui si profilava il suo atterraggio in politica. "Io voglio a continuare a fare il sindacalista", chiarisce Landini in tv senza però arretrare di un millimetro dall'idea di una "vasta coalizione sociale" che si opponga a un premier, che "pur non essendo stato eletto, sta cancellando lo Statuto dei lavoratori. E' a rischio la tenuta democratica del Paese".

19 commenti:

  1. CI vuole una vera sinistra in Italia, che torni agli albori e rappresenti veramente il popolo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un leader da solo non la può fare, ma serve anche quello, per dare visibilità mediatica (oggi purtroppo indispensabile). Quanto alla base, credo che ci sia, ha bisogno appunto, di qualcuno che la rappresenti.

      Elimina
  2. L'ennesima nuova speranza, Landini mi piace molto ma ammetto che negli ultimi anni le delusioni sono state parecchie e alcune davvero brucianti. Comunque bene, ci vuole qualcuno energico che sappia di cosa cazzo sta parlando, sentire parlare di lavoro certi buffoni che in vita loro non si sono alzati una sola mattina per andare a lavorare inizia a far veramente incazzare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, credo che le ultime esperienze siano state fallimentari, anche perché si sono ritrovate insieme persone che non avevano tante cose in comune. Ci vuole, paradossale, uno solo, che unisca a partire dalle tematiche. Bisogno imaprare dagli errori del recente passato, e costruitre una diversa forma di aggregazione.

      Elimina
  3. Credo che sia ora salga in politica, dico salga, perché voglio sia una cosa alta, lo diventi, come mai lo è stata in Italia. Nell'articolo che citi, si dice bene come.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo credo anche io, e credo di capire cosa hai apprezzato nell'articolo.

      Elimina
  4. Questo interesse di Bertinotti mi preoccupa non poco...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non dobbiamo guardare chi c'è e chi non c'è, altrimenti non la finiamo più. Per non dire, che Berti, nel pezzo che linko, dice cose interessanti, da ascoltare.

      Elimina
  5. Non vedo l'ora. Ma bisogna superare la logica del partito e fare un grande movimento di intelletti e persone per bene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bisogna superare molte logiche, ma non essere illogici. Le esperinze di paesi come Grecia e Spagna, devono esserci di esempio. Essere persone per bene e intellettuali non basta, bisogna saper osare, la situazione lo richiede.

      Elimina
  6. Ciao George, io la penso come il mio segretario, ovvero Vendola (così stai da che parte sto), però anch'io ho i brividi a sentir parlare dell'appoggio di Bertinotti: quando un politico di sinistra piace alla destra quanto è piaciuto lui, qualcosa non va. E poi ho anche paura dell'uomo al comando, perché la parabola di Renzi (a cui io non ho MAI creduto nemmeno per un attimo) la dice lunga. Credo che davvero si debba partire dalla base e ritrovarsi sul fare, un po' come abbiamo provato a fare ad Human Factors. Io, nel mio piccolo, nella mia città, sto provando a farlo. Certo che è difficile....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fai bene a dire da cosa parti. Ci sono molte divisioni da superare, e credo, anche questo voler escludere persone per errori del passato. In Syriza, per esempio, si sono aggregate personalità distanti. Non mi piacciono fare nomi, sia in negativo, sia in positivo, e credo che l'uomo forte al comando sia una cosa sbagliata, ma, se dietro ad un uomo, Landini, ci sono idee forti, di sinistra vera, e quest'uomo, sembra avere presa, allora perché non provare?

      Elimina
  7. Landini è un leader....mi piace. Mi è sempre piaciuto, e ho sempre un po' sperato che si mettesse a capo di un movimento politico. Un movimento politico fatto da gente vera, pulita, onesta, che crede nel cambiamento vero. Tutti quanti noi dobbiamo capire che l'unico modo per cambiare le cose, è la partecipazione diretta...dovremmo essere attenti e vigili sul territorio. Partecipare ai consigli comunali delle nostre città...interessarci...denunciare...solo così è possibile un cambiamento. Non possiamo sempre aspettare che siano gli altri a lavorare per noi...
    Un abbraccio George !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava, perché riconosci in Landini un leader e speri che finalmente faccia quel passo, quel salire in politica, e nel contempo, inviti tutti noi a salire, con lui, o a continuare a farlo, nei nostri territori. Così si fa, così si farà. Un abbraccio a te.

      Elimina
  8. Sarebbe un vero leader , credo però che non "salga" in politica , il sindacato ha bisogno di lui

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che anche il popolo di sinistra abbia bisogno di lui, e la Fiom avrà altri ottimi sindacalisti, da mettere al suo posto. Se non ora, quando?

      Elimina
  9. Purtroppo mi sa che Landini è troppo serio e onesto per finire in politica...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono le persone come lui che servono...

      Elimina
  10. io ho poca speranza negli italiani...

    RispondiElimina