giovedì 1 maggio 2014

Anche oggi ho festeggiato

 

Oggi vale comunque la pena di festeggiare 

di Antonio Di Luca

Ci sarebbe poco da festeggiare oggi. I dati sulla disoccupazione sono noti a tutti. Siamo oltre il 13%, quella giovanile è intorno al 40 e ci sono milioni di donne e uomini che hanno addirittura smesso di cercare un'occupazione. Per non dire dei tanti milioni di giovani che hanno smesso di studiare e di cercare lavoro, soprattutto al sud.

10 commenti:

  1. Condivido in toto. Proprio per questo bisogna esserci.

    RispondiElimina
  2. Risposte
    1. Ciao, credo proprio sia così che deve essere...

      Elimina
  3. Se non festeggiare, quanto meno esserci, pensarci, ricordarsi cos'è che dovremmo festeggiare o per cosa e contro chi bisogna lottare. E soprattutto, evitare di sfruttare chi è costretto a lavorare pure il primo maggio. Ciao George e grazie per la condivisione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazi a te per le parole. Ti quoto in toto.

      Elimina
  4. Ricordiamo anche chi il primo maggio deve lavorare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, un minuto di silezio per queste vittime :)

      Elimina
  5. c'è poco lavoro, ma la cosa assurda è che di lavoro ancora si muore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché siamo sotto ricatto, e il padronato (chiamiamolo con il suo nome), ne approfitta: meno lavoro, meno soldi, meno garanzie, più incidenti ...

      Elimina