mercoledì 25 settembre 2013

Aldrovandi, otto anni fa era una domenica

Se non l'avete letto ve lo consiglio (cliccate sopra la copertina).
Qui un articolo struggente...

14 commenti:

  1. Letto e recensito a suo tempo ... è uno dei libri che nobilita, se ce ne fosse il bisogno, il fumetto.

    RispondiElimina
  2. Concord Ally ...avevo già letto la tua rew.

    RispondiElimina
  3. Lo prenderò. Nel frattempo mi unisco al ricordo di una delle (tante) pagine vergognose della nostra storia e delle nostre, si fa per dire, istituzioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quante ne abbiamo?... è una Repubblica (af)fondata su pagine vergognose.

      Elimina
    2. quoto..
      un pensiero alla grande mamma di Aldro

      Elimina
    3. Hai ragione, molte cose le dobbiamo a lei, sulla ricerca della verità ... grazie alla sua caparbia lotta.

      Elimina
  4. Mi ero persa questo post..ultimamente latito un po'...
    Caro George, grazie per aver condiviso questo articolo...che dire ? un'altra pagina nera della nostra nazione..nazione in cui ci si aspetta che le forze dell'ordine ci proteggano e ci tutelino..e invece, capita anche che ci massacrino portandoci alla morte. In questo periodo sono molto avvilita per tutto...per questa Italia che peggiora sempre più e per questo tunnel che diventa sempre più lungo, buio e senza fine..il desiderio di andar via e ricominciare altrove è grandissimo...ma non sono decisioni semplici e da prendere su due piedi..
    Ti abbraccio. E' sempre un piacere leggerti. A presto e buona serata :)

    RispondiElimina
  5. con il fumetto si possono raccontare storie in maniera efficace. Aldro vive!

    RispondiElimina
  6. Passo in ritardo ma prendo nota di libro e post.
    Perchè merita davvero, grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sei mai in ritardo, sei sempre avanti...

      Elimina