giovedì 6 giugno 2013

Stefano Cucchi, ingiustizia è fatta

 Ingiustizia è fatta: Cucchi è morto...di freddo 
Giovanni Russo Spena
Abbiamo, dalle prime ore successive alla sua morte, detto e dimostrato che la morte di Stefano era omicidio di Stato. Oggi, con scientificità giuridica, affermiamo che la sentenza di primo grado è una sentenza di regime. Essa è frutto della "ragion di Stato" che è storicamente figlia dell'emergenzialismo, dello"stato di eccezione".
CONTINUA QUI

16 commenti:

  1. Non ho parole...
    e meno male che abbiamo una giustizia "rossa"..
    sì, di vergogna...

    :,/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo, non capisco come sia possibile, o forse sì: sono sempre protetti dall'omerdà di stato.

      Elimina
  2. Le sentenze non si criticano, si impugnano. Ma,porca troia,c'è un limite a tutto.Qui c'è l'evidenza di un poveretto che entra in carcere vivo e ne esce morto.Ci sono i lividi,le ferite e un deperimento fisico innaturale.L'idea che mi son fatto, e mi spiace pensarlo, è che quando ci sono di mezzo le presunte istituzioni,quel limite, il limite della decenza, può essere superato senza problemi.Questo paese fa vomitare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo, ho avuto conati di vomito vedendo in tv quel tribunale della vergogna.

      Elimina
  3. Concordo con quanto scritto qui su da Blackswan..è proprio così..la giustizia, a volte, sembra avere dei limiti, e sembra voler coprire, celare, nascondere..ma come si fa a parlare di sentenza giusta ? Come si fa ad accettare ? Come ??
    Sono schifata..in tutti i sensi, e per tutto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non aggiungo altro al tuo commento .... è così,è così.

      Elimina
  4. Sì, è una vergogna, quoto Serena, giustizia nera altroché ...quindi ingiustizia. Bello l'erticolo di Russo Spena e interessante il fumetto che hai linkato. Io me lo scarico ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, sì, Ally, è un fumetto tutto da leggere.

      Elimina
  5. non sono radicale ma devo dire che i Radicali sono in prima fila da tempo per condizioni di vita più umane nelle carceri, oltre che contro appunto la Fini Giovanardi. Non solo loro per fortuna (Russo Spena è di Rifondazione). Quanto al povero Stefano penso e spero che l'ostinazione della famiglia, la sorella soprattutto, e del loro avvocato riuscirà se non a ridargli la vita, almeno a ristabilire la verità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, sui diritti civili i radicali anno fatto molto, ma per il loro pensiero neoliberista e la posizione sulle guerre, non ho mai pensato di votarli. Russo Spena e il Prc sono invece su tutti i fronti, peccato abbiano poca visibilità. Certo, la forza di Ilaria Cucchi alla fine vincerà.

      Elimina
  6. non mi uccise la morte ma due guardie bigotte mi cercarono l'anima a forza di botte...
    cantava F. De Andrè che ci ha sempre messo in guardia dai Giudici.
    Il ventennio del nano ha lasciato l'ennesimo frutto avvelenato dell'equazione tra giustizia e legalità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. nano-nano, vacci piano, giudici rossi? Ma mi faccia il piacere.

      Elimina
  7. E non ci scandalizza mai abbastanza. Questa sentenza è una delle più abominevoli, sfacciate, ipocrite e vergognose emesse da questo stato ancora fascista. Dovrebe rivoltarsi un popolo intero insieme alla famiglia di Stefano.
    Bello l'articolo di Russo Spena, me l'ero perso, il fumetto invece no ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, come dicevo sopra,puntuale come sempre Russo Spena e anche il suo partito, che purtroppo è fuori dal Parlamento, ma anche fuori non rinuncia alla lotta, anzi. Bello il fumeto, sì, da diffondere...

      Elimina
  8. Sempre vicini alla famiglia di Stefano e a sua sorella Ilaria!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vicinissimo, io l'ho anche votata alle elezioni ;)

      Elimina