mercoledì 20 febbraio 2013

... CENSURA

Ormai la legge sulla par condicio è carta straccia e ci sembra che violarla sia diventato, in queste elezioni, lo sport nazionale per la maggior parte degli organi d’informazione che fanno a gara nell’oscurare Rivoluzione Civile. Ieri a Ballarò i telespettatori hanno potuto ascoltare gli appelli al voto di Berlusconi, Bersani, Monti e poi anche l’intervento di Grillo. E Rivoluzione Civile? Niente. Cancellata dagli schermi. Su Sky, invece, sempre ieri è andata in onda una diretta di 2 ore del comizio di Beppe Grillo. Quando ci sarà una diretta equivalente per Rivoluzione Civile? Probabilmente dopo le elezioni. E’ ormai evidente che questa campagna elettorale si sta svolgendo nella piena illegalità e che gli organi di controllo hanno abdicato alla loro funzione, forse perché espressione della maggioranza politica che raccoglie i frutti prodotti da una informazione squilibrata.
   Che fa l’Autorità di Garanzia nelle comunicazioni? Che fa la Commissione di Vigilanza Rai? Quello che sta accadendo in Italia non è degno di un paese europeo e democratico ed assomiglia in modo preoccupante a quanto avviene nei regimi autoritari. Siamo di fronte ad una umiliazione della democrazia senza precedenti perché è ormai evidente il disegno di toglierci la parola nell’ultima settimana di campagna elettorale, violando il diritto degli italiani ad essere informati ed i nostri diritti politici.
   A questo punto non ci resta che andare in Procura perché una legge dello Stato, quella sulla par condicio, non può essere calpestata per imbavagliare chi non ha partecipato alla lottizzazione della Rai o degli organi di controllo. Basta! È ora di fare pulizia e lo faremo appena entrati in Parlamento, con una legge che tolga la tv pubblica dalle mani dei partiti che la utilizzano come se fosse un servizio privato, mentre è un bene comune.
                                                                                    ANTONIO INGROIA

24 commenti:

  1. Verissimo, la tv conterà meno del passato, ma non vanno nascoste le voci scomode. Ingroia fa bene a combattere anche questa battaglia.

    RispondiElimina
  2. figurati che per sentir parlare di Ingroia io devo venire sul tuo blog !!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo mi fa onore, e conferma, purtroppo, la mia tesi, e quella di Rivoluzione Civile: censura politica come non mai. Grazi.

      Elimina
  3. È una cosa vergognosa, proprio ieri ne stavo parlando con mia mamma...questa e' una campagna elettorale pilotata...di democrazia non c'è più nemmeno l'ombra...le cose da cambiare in questo paese sono davvero tante..a partire dalla gente..servirebbe un elettroshock di quelli potenti ! La politica non può gestire l'informazione, perché significa pilotare e filtrare le informazionii...significa sporcare la realtà. Continuiamo la battaglia...confido sul fatto che riusciremo ad entrare in parlamento per poter fare un'opposizione vera, seria e concreta. Un abbraccio :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai letto qui ??

      http://www.repubblica.it/speciali/politica/elezioni2013/2013/02/20/news/lettera_minacce_ingroia-53044732/?ref=HREC1-2

      Elimina
    2. Spero e sono ottimista, porteremo molti parlametari di qualità, e saremo la vera sorpresa... poi mi leggo l'articolo. Grazi.

      Elimina
    3. Letto, e dico: non ci faremo intimorire, la Rivoluzione Civile deve partire...

      Elimina
  4. Questa campagna elettorale a me ha sfinito.. dove metti metti su mediaset ti ritrovi Berlu che ne spara a pioggia.. Ingroia è scomodo, è veramente una voce che dà fastidio.. Spero che riesca a ottenere un buon numero di voti per poter fare la differenza in parlamento!
    A presto George, continua così!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tantocaruccia, la tua speranza è anche la mia, grazi, continua anche tu così.

      Elimina
  5. La campagna elettorale in Tv andrebbe semplicemente cancellata o relegata in spazi appositi con tempi uguali per tutti fuori dai quali non dovrebbe essere possibile uscire.

    Una bella "Tribuna politica" con i vari candidati e basta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, concordo, lo spazio dovrebbe essere uguale per tutti, come la legge ;)

      Elimina
    2. ... anche la legge, dovrebbe ;).... (:

      Elimina
  6. George, dico solo che da questo nostro povero (in tutti i sensi) Paese, non mi aspetto più nulla, tanto meno giustizia ed equità in campagna elettorale, ma quando mai?
    La cosa peggiore a mio avviso è che ciò che accade in politica è purtroppo solo lo specchio riflesso di ciò che tutti i santi giorni accade nella nostra vita quotidiana. Siamo tutti così convinti e rassegnati al fatto che oramai sia normale e un dato di fatto che vinca chi urla più forte, chi ruba, il più furbo e malandrino perchè più figo di un qualunque onesto cittadino, che non vedo molte vie d'uscita!
    Il senso critico oramai appartiene a pochi, cervelli pensanti in giro sempre meno, e discernimento... meno che mai!
    Personalmente cerco, come ho sempre fatto, di cambiare le cose nel mio piccolo, ma in troppi ormai sono rassegnati, al fatto che le cose non cambieranno mai! Non c'è peggior terreno fertile della rassegnazione per dar sempre più spazio a certa politica! Ed è proprio ciò che sta accadendo in Italia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazi, le tue parole testimoniano l'esigenza di una rivoluzione civile tutti i giorni, quindi non facciamoci sfuggire l'occasione di farla ora, domani, dopodomani, sempre. Spero in queste elezioni, consapevole che sono solo un momento... grazi, parole molto importanti.

      Elimina
  7. La cosa che mi fa più tristezza e paura che gran parte degli italiani che guardano il mondo attraverso la televisione sono ben lungi dal porsi il problema della censura, della libertà di parola, della par condicio. E sono tanti. Anzi, decisamente troppi. Soprattutto se poi dobbiamo anche permettere loro di esercitare il loro diritto al voto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono favorevole ad un esame a cui sottoporre gli elettori per valutarne le capacità psichiche.
      Oggigiorno andare in giro con la scheda elettorale è come andare in giro con una pistola carica.
      Non è da tutti.
      Favorevolissimo. :))

      Un abbraccio.

      Elimina
    2. Per fortuna la tv è meno importante ...o, meglio, anche il web sta cominciando ad entrare in gioco, e noi possiamo molto per svelare certe dinamiche.

      Elimina
  8. Ormai l'odio ci pervade e la pazzia si è impadronita di noi.
    Già si segnalano i primi casi di cannibalismo familiare: padre di destra mangia mano al figlio perchè non possa votare Ingroia.
    Donna mangia entrambe le orecchie al nonno per impedrigli di ascoltare intervento di Bersani alla 7.
    Ho sentito narrare di un cugino montiano che avrebbe banchettato con le viscere del parente, solo perchè minacciava di utilizzare il voto disgiunto.

    E non vogliamo parlare del figlio PD che sgonfia le ruote della carrozzina del padre berlusconiano per non farlo uscire di casa per il voto ?
    Oppure della moglie pro-Grillo che brucia nel sonno il marito pro-Giannino utilizzando trielina e scheda elettorale?

    Io qua non ci voglio più restare.
    HO PAURAAAAAAAAAAAAAAAAAA .

    Corro alla prima agenzia di viaggi e prenoto un biglietto di sola andata per un paese lontano, lontano.

    Addio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, ah, ah, granduca vai a votare per Rivoluzione Civile, e poi, se vuoi, viaggia ...

      Elimina
  9. mii.. ieri sera a un certo punto su 4 (quattro) canali c'era Monti!! ormai quel che è fatto è fatto, ma quel che sarà il risultato credo proprio che Ingroia sarà un 'osso' duro..
    ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Monti imperversa anche questa sera ,,, è da zzzzz zzzz vespa ;)
      Che schifo, ma nonostante questo sì, sono ottimista.

      Elimina