domenica 6 gennaio 2013

Basta violenza sulle donne in India ... e non solo

Al Governo indiano, alla Commissione Verma e alla Commissione Mehra:

"Vi chiediamo di rendere più incisiva la legislazione contro la violenza sessuale e la sua applicazione e di lanciare una campagna pubblica di educazione su larga scala con contenuti forti e di alta qualità pensati per portare un profondo cambiamento negli inqualificabili comportamenti che permettono e promuovono la violenza sulle donne"

Vi invito a leggere e firmare la petizione qui

28 commenti:

  1. Credo sia ora di dire basta, è un fatto culturale forte. Vado subito a leggere e firmare. Grazie George.

    RispondiElimina
  2. Buongiorno George :) Come sempre grazie per queste tue campagne d'informazione. Ho appena firmato. Essere donna, a volte, è un vero casino..è questione di mentalità, cultura, credenza..servirebbe una formattazione di tutte le menti malate e retrograde..c'è chi si sente in diritto di usare una donna come un qualunque oggetto..o peggio, di poterla usare e buttare a proprio piacimento. Di farle del male per sfogare i propri nervi o di deturparla per un rifiuto..o di violentarla perché va in giro la sera tardi..che tristezza ! Essere donna non è affatto facile..c'è sempre una convinzione latente..sotterranea..che comunque sia, le donne valgano meno degli uomini sempre e comunque..
    Spero che le cose possano cambiare. Spero che la mentalità possa cambiare..
    Un abbraccio e buona giornata :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mary, anche tu sempre presente. Condivido, è un fatto culturale, e da qui il cambiamento.

      Elimina
  3. Firmato ! Anche se la cosa più importante sarebbe riuscire a cambiare la testa della gente ( cosa che trovo, ahimè, impossibile, anche e,soprattutto, nel nostro paese ). Grazie George !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Niente è impossibile se ci mettiamo insieme in tanti.

      Elimina
  4. firmato, ovviamente...
    purtroppo però assisto ad un continuo depauperamento delle conquiste sociali degli ultimi trent'anni... complice anche un generalizzato impoverimento neuronale generale... (ai miei tempi in auto le coppie viaggiavano unite... oggi invece va di moda "le femmine dietro e i maschi davanti") ... ed è solo un esempio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie ... ah sì, non sapevo di questa "moda", forse non ci ho fatto caso, provo ad osservare.

      Elimina
  5. Bisogna dire basta e soprattutto il primo cambiamento deve avvenire nelle menti di molti.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto, il cambiamento, come spesso è successo, è nella mente.

      Elimina
  6. Basta alla violenza sulle donne DAPPERTUTTO. Basta alla violenza tout-court...
    Grazie per la sensibilità :))
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per la giusta osservazione, basta violenza qui e ora, là e sempre. Grazi ciao.

      Elimina
  7. Ciao George, tema molto delicato, che richiede attenzione e misure adeguate. Quello che dovrebbe essere un diritto delle donne a vivere tranquille, è diventata una conquista faticosa che richiede sangue, come una guerra devastante. Non so davvero cosa passa nella testa degli esseri umani, ammesso che ce ne siano ancora.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Parole misurate e corrette, quanti umani ancora sulla terra? Restiamo umani, diceva un tale ...

      Elimina
  8. l'imbruttimento quotidiano, il medioevo nel post-moderno. Che brutto mondo è questo? Dove finisce la barbaria? Non resta che combattere George. Combattere anche contro se stessi e i mulini a vento. Notte

    RispondiElimina
  9. Combattere, combattere, combattere ;)
    Grazi Agart.

    RispondiElimina
  10. Appoggio. E' ora di dire basta. Non solo in India. Anche in Italia purtroppo sentiamo di continuo episodi tristi.
    Prendo virtualmente un lumino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, sapevo saresti stata con noi, sei tantocaruccia anche per questo...

      Elimina
  11. firmato!
    grande!!!
    il cambiamento inizia a casa nostra...
    "revolution starts at home, preferably in the bathroom mirror" (husker du)

    RispondiElimina
  12. Fatto!
    Ho idea però che in India si sia risvegliata la coscienza morale e auspico un progresso nel futuro democratico di quella sfortunata nazione.

    RispondiElimina
  13. Sì, spero che questa aria nuova si sposti anche nel vecchio continente...

    RispondiElimina
  14. Questo post invece mi piace molto!
    Molto dipende da noi, cioè se smettiamo di litigarci la mela come premio alla più bella e iniziamo invece a farci valere peri nostri diritti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sembra giusto, in India come in Italia e nel resto del mundo.

      Elimina